team building vino outdoor

Team building outdoor nuove idee per eventi aziendali in sicurezza

Con l’arrivo dell’estate e l’allentamento delle restrizioni torna la possibilità di organizzare eventi aziendali in presenza.
Sfruttando le temperature miti e gli affascinanti paesaggi italiani da metà giugno è di nuovo possibile organizzare team building all’aperto e incentive.
Cosa organizzare e che tipo di attività outdoor è possibile progettare in sicurezza?
Abbiamo selezionato alcune proposte:

Winy dinner christmas team building 0e2e009c-58a3-4348-b3a6-fe76f3ea1ebb

  Winy Dinner
Uno dei team building più ingaggianti e flessibili in termini di selezione del luogo evento e capacità di networking.
Scegliendo tra oltre 100 location al mare, in campagna o in città, la Winy dinner è un wine team building che può essere svolto in totale sicurezza e che ha il vantaggio di abbinare all’attività di team work dedicata al vino un’ottima cena a tre portate rendendo l’esperienza per gli ospiti completa.
Le diverse prove di degustazione bendata e quiz a tema sono svolti dalle squadre direttamente al tavolo e coinvolgono in maniera continua e diversa i partecipanti dalla prima portata del menù sino all’elezione della squadra vincitrice.

Team building vigna

Vignaioli per un giorno

Vino, enologia e contatto con la natura nella nostra formula di team building direttamente tra i filari delle vigne delle più belle cantine vitivinicole italiane.
Cappello, cestino e cesoie e le squadre sono pronte a selezionare i grappoli  migliori da mandare alla pigiatura e, assieme ai nostri master of wine, mettere alla prova fantasia e ingegno nella creazione del proprio blend e della bottiglia di vino che rappresenti valori e spirito del team.

nuove-idee-team-outdoor2 cooking team building outdoor cooking team building Aziende

Outdoor Cooking team building

Ottimo cibo, tradizioni e attività all’aria aperta  il team building in cucina si sposta all’esterno con accesso diretto alle materie prime dell’orto.
All’interno delle più suggestive country houses italiane, accompagnati dagli chef  e dal nostro personale, i partecipanti potranno immergersi direttamente nella cultura gastronomica del luogo cucinando e degustando i piatti tipici della tradizione e cimentandosi in attività all’aperto di diverso tipo all’interno dei boschi e degli uliveti che caratterizzano le nostre tenute. 

cocktail-outdoorOutdoor Cocktail Challenge
Il Cocktail challenge riparte en plein air.
Terrazze, giardini e dehor delle nostre location fanno da cornice alla creazione di nuovi drinks d’autore e rivisitazioni di grandi classici creati dai partecipanti al bar challenge.
Postazioni complete di mixology, i migliori bartender italiani ed una selezione di ingredienti a sorpresa da twistare per brindare alla ripartenza e allo spirito di squadra.

Gourmet Orienteering
Natura, sport e degustazione sono gli elementi del Gourmet Orienteering un team building aziendale che trae spunto dalla disciplina dell’Orienteering nei boschi per essere personalizzato con degustazioni food & wine a tema.
A piedi, in bicicletta, in vespa o in golf cart, le squadre, avventurandosi lungo il percorso indicato dalla mappa, con l’aiuto della bussola e del proprio istinto, potranno ammirare paesaggi suggestivi e, spostandosi di tappa in tappa, risolvendo i diversi indizi del nostro staff, degustare prodotti tipici del territorio in divertenti pit stop gourmet previsti dall’attività di team building.

Per saperne di più Contattaci

box esperienza team building online

Team building virtuali di successo: come aumentare l’engagement all’evento con i box esperienza

Box esperienza The Traveller Chef
Conosciute anche con il nome di Welcome kit le gift bags hanno avuto da sempre un ruolo fondamentale negli eventi e team building aziendali.

Consegnate all’ingresso per accompagnare l’ospite all’evento sono sempre state composte per lo più da gadget di cancelleria e affini.

Con l’avvento dei team building virtuali e degli eventi phygital o ibridi, il loro ruolo è cambiato: non più contenitori di oggetti ma dispensatrici di esperienze.
Nascono i box esperienziali, oggetti che coinvolgano l’ospite nell’esperienza già prima dell’evento stesso, una call to action con cui accrescere le aspettative e quindi anche l’attendance all’evento.

Uno dei punti fondamentali dell’evento digitale è infatti la capacità dell’azienda/agenzia incaricata di convertire, cioè trasformare gli inviti in partecipazioni effettive all’evento.

I box esperienziali, in questa fase, rappresentano il valore aggiunto.

Dal box del bartender per il cocktail challenge online al painting kit per il virtual art tour, cosa inserire in una gift bag esperienziale per un team building da remoto di successo?

Ecco i nostri spunti:

Creare uno storytelling del contenuto
I kit esperienziali devono raccontare una storia.
Ogni oggetto all’interno della bag deve rappresentare:

  • il mood dell’evento
  • il dietro le quinte
  • il legame tra tema scelto e azienda cliente

Importante dare attenzione ai personaggi soprattutto se abbiamo investito in celebrities: inserire nel box una breve Bio del conduttore/esecutore dell’attività in cui si rimanda al suo sito o meglio ancora,  se il budget lo consente, una sua pubblicazione, un testo che richiami l’esclusività dell’esperienza che ogni ospite sta per vivere

Dare un tempo di utilizzo ad ogni oggetto
Gli oggetti del kit esperienziale sono preparatori all’attività che si andrà a svolgere e quindi prevedono un loro uso prima, durante e dopo l’evento.
L’esistenza di questa sequenza temporale è fondamentale per incentivare la call to action e per il follow up finale.
Importante inserire un particolare che accompagni l’ospite prima e anche dopo l’esperienza creando un ricordo.

Personalizzazione
Rispetto alle classiche welcome bags, i kit esperienziali, soprattutto di tipo food & wine vanno differenziati in base all’ospite.
Ciò significa valutare eventuali intolleranze, regimi speciali e gusti di ogni partecipante e scegliere gli articoli in funzione di questi aspetti. Questo implica la conoscenza dell’ospite e soprattutto un basso numero di partecipanti.
Nel caso di eventi aziendali con grandi numeri quindi occorre ragionare al contrario, partire da un progetto di box esperienza che sia il più neutro possibile in modo da essere adatto a tutti i partecipanti.

Locale è meglio che globale
Nella selezione dei fornitori per i prodotti del box, dove possibile, prediligiamo l’artigianalità, l’identità locale, la nicchia, soprattutto, e ne esistono tanti, se sono partners riconosciuti ed hanno una buona capillarità di distribuzione.
Artigianalità è sinonimo di ricerca e attenzione al dettaglio.

Programmare la spedizione
Le goodie bags esperienziali, sia per eventi fisici che online, ha un ruolo chiave anche nel pre-evento, importante pertanto monitorare i tempi di spedizione e di arrivo e accompagnare l’invio con messaggi via mail e, dove possibile, con telefonate di conferma arrivo al cliente.

Qualunque sia l’idea creativa il box esperienza è il modo con cui l’azienda comunica se stessa e quanto ciascun ospite sia importante, come tale va progettata nei colori, nel confezionamento, nella ricerca del particolare che renda ciascun invitato il protagonista.

Team building online The Traveller Chef

12Mesi di Team Building online

Un anno di team building online
Il 28 aprile di un anno fa inauguravamo i nuovi team building online con la volontà di trasmettere anche da remoto il senso di squadra, condivisione ed empatia che da sempre ha rappresentato la mission di ogni evento in presenza.

Trasferire online questi valori e farlo per bene, com’è nostra abitudine e impegno, non è stato semplice, ma abbiamo sempre creduto che un gruppo di persone che condivide un obiettivo comune può raggiungere l’impossibile.
E riunendo partners, acquisendone di nuovi, lavorando in trasversale, siamo partiti.

Oggi riguardando gli scatti inviati durante i photo challenge da più di 1000 dei nostri ospiti ci siamo resi conto di come la dimensione virtuale abbia cambiato il modo di fare networking.

Il team building online non riguarda più il solo gruppo di lavoro ma la sfera personale di ogni partecipante, quella domestica, degli affetti, creando un autentico coinvolgimento dell’ospite al di fuori di ogni schema mentale, professionale, che prescinde da ruolo e mansione, come la reale condivisione dovrebbe essere.

Questo video è il nostro contributo a questi 12 mesi trascorsi assieme; 12 dei vostri scatti creativi per accorgerci di aver conquistato il valore più importante; l’intimità.

team building online

Come coinvolgere i partecipanti in un team building online

img_8156

Team online Sonia Peronaci

team building online Sonia Peronaci

Quanti modi abbiamo  per mantenere alta l’attenzione in un team building online?
Secondo uno degli ultimi report pubblicati da Microsoft, nel digitale la nostra soglia di attenzione  non supera gli otto secondi.
Occorre quindi fare ricorso ad ogni metodo che creatività e  funzioni disponibili sulle principali piattaforme di videoconferenza mettano a disposizione per coinvolgere la nostra audience nell’attività. Eccone alcuni:

Attiva l’audience

Video accesi
Può essere difficile in caso di grandi numeri e di difficoltà di banda ma il contatto visivo è fondamentale per rafforzare empatia ed evitare distrazioni; meglio piuttosto ridurre il numero degli ospiti o, oltre una certa soglia di partecipanti, suddividerli in break out rooms. Le break out rooms di fatto non sono separatorie ma consentono di creare mini gruppi gestiti centralmente a cui affidare parti diverse dell’attività prevista proprio come nei team building in presenza

Chat e Call to action
Fondamentale nei team building  invitare gli ospiti ad interagire spesso, di norma la regola è ogni 4/5 minuti, in viva voce, via chat o con piccoli sondaggi

Master of Ceremonies
Il conduttore è una figura chiave per l’engagement in un team building; deve sapere coinvolgere gli ospiti a partecipare o, in caso contrario, intervenire in prima persona con contenuti interessanti e divertenti, concordati in precedenza.
Mai momenti di silenzio, nè monologhi che superino i due minuti.
Attenzione, il conduttore non è colui che esegue l’attività prevista dal team building ma si affianca ad esso nel monitorare e tenere vivo l’engagement.

Celebrities e media influencer
Scegliere una celebrity per l’attività di team building online ha un grande impatto in termini di partecipazione all’evento e condivisione. Tale impatto è tanto maggiore quanto più la celebrity è in linea con il mood dell’evento e il target di clienti coinvolti. Condizione fondamentale per valutare l’ingaggio di una celebrity è il numero di persone coinvolte e l’esperienza pregressa del personaggio scelto  nella realizzazione di contenuti media editoriali.
Un maggior numero di partecipanti consentirà di diluire il costo generalmente più elevato della celebrity  ma renderà l’esperienza più impersonale a causa dell’impossibilità di creare un dialogo diretto e customizzato. In quest’ultimo caso la capacità del Master of Ceremonies di mediare nell’interazione tra platea e volto noto è fondamentale.

Video e immagini
Che sia una singola immagine, un video o uno slideshow l’inserimento di contenuti durante il team building online attira l’attenzione degli ospiti. Importante la qualità del contenuto in termini di grafica e comunicazione visiva.

Utilizza gli strumenti giusti

Polling o Sondaggio
E’ una funzionalità semplice e rapida a cui ricorrere per creare quiz gamificati in base al tipo di attività di team building scelta.
Nel caso di un team building sul vino ad esempio si preparerà per i partecipanti un quiz  con cui mettere alla prova sensi e loro capacità di degustazione, se il team building è in cucina  invece un test sulle caratteristiche degli ingredienti del menù.

Codenames/Wheels of fame/Open the box
Sono alcuni dei tanti tool esterni di gamification  disponibili per le attività in team online che prevedono la divisione degli ospiti in squadre e possono essere adattati alla tipologia di esperienza per interagire con i partecipanti in modo divertente e customizzato.

Pressure test/Photochallenge
Utilizzati già negli eventi in presenza sono prove specifiche a tempo e a tema, particolarmente indicate nei cooking team building e nelle food challenge.
Applicabili anche online rappresentano il miglior modo per stimolare la creatività ed il coinvolgimento degli ospiti che sono chiamati a testare la propria abilità e gestione degli imprevisti lavorando assieme alla realizzazione di un progetto comune da inviare poi online via cellulare per la valutazione finale.

Goodie bags
Il biglietto da visita di ogni team building online.
Che sia il box ingredienti personalizzato per il cooking team building, il kit con l’attrezzatura base di bartending o semplicemente una bottiglia di brut con due calici, la goodie bag è uno strumento che consente di coinvolgere da subito il partecipante nell’esperienza e di dare visibilità all’evento e al brand.
Affinchè ciò avvenga è importante che sia creativa, a tema, personalizzata in base al target ospiti e ottimizzata per peso e tempistiche di arrivo spedizione al domicilio.

Vuoi saperne di più? Contattaci

 

bianco-e-pastello-collage-semplice-post-di-facebook-7

Dall’Atelier alla cucina: un team cooking alla moda

Cucina e moda, due mondi diversi da sempre collegati tra loro nell’esprimere armonia e creatività, nel contaminarsi a vicenda sin dai tempi dei Romani.
Ed è questo legame forte la base su cui abbiamo costruito, su richiesta di alcuni nostri clienti del settore, team building di cucina in cui raccontare le due grandi eccellenze del Made in Italy attraverso menù ad hoc.
In occasione della Milano Fashion Week 2021, tratto da uno degli ultimi team cooking  dedicato ai colori di tendenza della stagione e al tailor made come realizzare un menù  “alla moda” per la primavera:

Cocktail in rosso

Mousse di bufala, pomodorini semi dry e noci
Il rosso, protagonista del guardaroba primaverile 2021, dei migliori cocktail per l’happy hour e della tradizione in cucina.
bianco-e-pastello-collage-semplice-post-di-facebook-6

Ingredienti
250 g di mozzarella di bufala
90 g di pomodorini semi dry sbollentati
olio extravergine d’oliva
5/6 gherigli di noce
sale
basilico fresco
origano
pepe

Preparazione
In un mixer inserire i pomodorini semi dry, sale, origano, un filo d’olio e frullare.
La quantità di olio dipenderà da quanto sarà fluido il composto. Trasferire la crema di pomodorini nel fondo dei bicchierini. Pulire il mixer e preparare la mousse di mozzarella di bufala: tagliare a pezzettoni la mozzarella e inserirla nel mixer con sale e un filo d’olio evo. Frullare fino ad ottenere una crema corposa. Inserire la mousse in una sac-à-poche con punta a stella e riempire i bicchierini fino a poco oltre il bordo.
Tritare qualche noce  e aggiungere una foglia di basilico per la decorazione finale

Made in Italy

Gnocchetto di olive nere, petali di pomodoro e origano
Un omaggio alla sartorialità italiana, al fatto su misura nella moda come in cucina.team cooking moda

Ingredienti
500gr. patate a pasta gialla
250 gr. farina 0
350 gr. di olive nere taggiasche
1 uovo intero
1 spicchio d’aglio
150 gr. pomodorini freschi
olio evo
1 mazzetto di basilico
origano fresco

Preparazione
Preparare un impasto con 2/3 di patate cotte al vapore, 1/3 di olive nere taggiasche frullate a crema, 1 uovo , sale e farina. Impastare bene e ottenere delle strisce cilindriche sottili da cui ricavare, tagliando le strisce a piccoli pezzi con la punta di un coltello, gli gnocchetti. Gettare gli gnocchetti nell’acqua ad ebollizione sino a che non affiorino in superficie poi versarli nella salsa precedentemente cucinata con lo spicchio d’aglio rosolato nell’olio evo, il basilico e il pomodorino fresco tagliato a piccoli pezzi e dadini di pancetta dolce. Quindi aggiungere un pizzico di origano fresco e un filo di olio a crudo

Unconventional Yellow

Dessert al cocco e mango
Il principale colore delle passerelle primavera/estate 2021 diventa dessert attraverso l’utilizzo del frutto esotico estivo per eccellenza: il mango.
Team cooking cibo e moda

Ingredienti
latte di cocco 400 g
bevanda vegetale al cocco 400 g
zucchero semolato 100 g
agar agar 6 g
mango polpa 500 g
zucchero semolato 50 g
limone succo 1 cucchiaio
agar agar 3 g
menta fresca in foglie q.b.
panna vegetale q.b

Preparazione
Sciogliere in 50 g di bevanda vegetale al cocco (fredda) l’agar agar. Versare in un pentolino la restante bevanda al cocco e lo zucchero, il latte di cocco e porta a ebollizione sciogliendo lo zucchero, quindi aggiungere l’agar agar disciolto e lasciare bollire per 1 minuto mescolando continuamente. Trasferire tutto nei bicchierini, lasciando due dita dal bordo
Rassodare in frigorifero per almeno 1 ora
Per la geleè al mango, sciogliere in due cucchiai di acqua fredda l’agar agar. Sbucciare il mango, taglialo a pezzetti e mettilo in padella con lo zucchero e il succo di limone; accendere il fuoco fino a quando si sarà spappolato. A questo punto, aggiungere in padella l’agar agar disciolto nell’acqua e lascia bollire per 1 minuto; frullare tutto con un frullatore a immersione e passa al setaccio. Trasferisci il composto in una sac-à-poche, fai raffreddare a temperatura ambiente.
Trascorso il tempo necessario, prendere i bicchierini e, sulla crema di cocco ormai soda, formare uno strato di circa 1 cm con la coulis di mango. Rimettere in frigorifero a rassodare per almeno 1 ora.
Montare la panna vegetale con uno sbattitore elettrico e mettila in una sac-à-poche con bocchetta a stella; terminare con un ciuffo di panna e una fogliolina di menta

virtual-cooking

Team cooking online, ibridi o in presenza, cosa organizzare e quali le differenze

dell-video

cooking team building virtuale

tttt

Cambiamenti e difficoltà di spostamento in questo periodo hanno aperto lo scenario a nuove modalità di team building ed eventi per le aziende.
Ad apertura di questo 2021  quindi come organizzare  un evento di cooking team building, quali sono le alternative, quali le differenze?
Ecco una breve guida sulle diverse soluzioni disponibili e come organizzarle:

 Team cooking online
La modalità più semplice, molto richiesta al momento perchè elimina spostamenti e riunioni di persone.

Requisiti per i partecipanti  al team cooking digitale

  • Disponibilità di una cucina domestica e degli attrezzi più semplici
  • Un pc con webcam
  • Ingredienti per la preparazione del menù

Cosa organizzare e quali le differenze
La divisione in team è possibile, senza scambio e commistione dei ruoli tra i partecipanti come  accade in presenza, con l’assegnazione di incarichi per ciascun ospite nella realizzazione del menù.
Per la parte creativa dell’attività la logica rimane di gruppo; la strategia ed il processo di raggiungimento dell’obiettivo assegnato a sorpresa sono gestiti in comune dagli ospiti ed eseguiti assieme in video.
Gli ingredienti necessari all’evento possono essere consegnati  direttamente al domicilio o acquistati dagli ospiti in modo indipendente.
La degustazione del menù preparato è in videoconferenza.
Il team cooking online è, diversamente dall’evento fisico, una modalità molto intima di mettersi in gioco e fare relazione con i colleghi perchè prevede la condivisione dei propri spazi domestici e spesso anche degli affetti.
Non è infatti raro che nel cooking team building online siano spesso coinvolti in tutto o in parte conviventi, coniugi o figli.
Ciò crea un clima molto proficuo ed una maggiore propensione allo spirito di squadra e all’interazione.

Team cooking in presenza
Tutti i partecipanti in presenza alla scuola di cucina.

Requisiti per i partecipanti al team cooking in presenza

Realizzabile ad oggi nelle località in fascia gialla, secondo gli orari previsti dal Dpcm in materia di ristorazione e con le seguenti prescrizioni:

  • distanziamento di 2 mt
  • mascherina
  • postazioni individuali di cucina
  • igienizzazione e guanti monouso
  • degustazione in postazione  o al tavolo con distanziamento
    (ad eccezione di congiunti documentabili con autocertificazione aziendale)
  • numero massimo di partecipanti in base a capienza scuola di cucina

Cosa organizzare e quali le differenze
Tutti gli ospiti realizzano le portate del menù che poi andranno a degustare individualmente o al tavolo con il distanziamento.
Nella prova creativa ogni squadra presenta il singolo progetto finale realizzato con accordo di tutti i partecipanti e presentato allo chef che ne valuta l’aspetto.

Team cooking ibrido
Una parte dei partecipanti è in presenza dalla scuola di cucina, una parte è collegata in remoto tramite piattaforma di videoconferenza

Requisiti per i partecipanti al team cooking ibrido

  • Rental di una location scuola di cucina
  • Pc con webcam
  • Smart tv per il collegamento in videoconferenza
  • Personale di ripresa lavori

Cosa organizzare e quali le differenze
Come per il cooking team building in presenza anche la modalità ibrida è praticabile ad oggi nei casi e nelle località  in cui siano consentiti spostamenti e attività di ristorazione.
Per i partecipanti in presenza varranno presso la scuola di cucina le regole già viste nella modalità di cui sopra previste dall’attuale Dpcm.
I partecipanti vengono divisi in due squadre, il  team digitale ed il team live, chiamati a preparare il menù previsto.
Anche in questo caso, per gli ospiti in presenza a causa dell’obbligo distanziamento, non può esserci scambio di ruoli e mansioni.
Per la prova creativa ciascun team lavora in gruppo all’obiettivo finale.
I kit ingredienti sono spediti al domicilio per il team virtuale, presenti alla scuola di cucina per il team live.
Il team building in cucina ibrido è, tra le tre soluzioni, la più complessa da organizzare perchè prevede di fatto l’organizzazione di due eventi separati, il digitale e il live, e questa sensazione di separazione può essere vissuta in fase evento anche dai partecipanti che si comportano e agiscono come due gruppi separati.

wine tasting class

Wine Tasting Class Come scegliere le bollicine giuste per Natale

shallow focus photo of footed wine glassesUno dei team building di Natale online più richiesti è senza dubbio il wine tasting col produttore dedicato allo spumante, l’occasione giusta per conoscere le nostre bollicine italiane e brindare alle festività.
Ma come scegliere  lo spumante giusto per accompagnare pranzi e cene natalizie?
Non è sempre facile capire dall’etichetta cosa stiamo per assaggiare, ecco allora una breve guida per orientarsi e i suggerimenti dai nostri sommelier:

Metodo di vinificazione
Per creare uno spumante si parte da un vino base a cui vengono aggiunti zuccheri e lieviti per avviare una seconda fermentazione ed ottenere un vino con una quantità leggermente superiore di alcol e soprattutto con una certa quantità di anidride carbonica che lo renda spumeggiante.
Due i metodi:
Charmat o Martinotti. La seconda fermentazione avviene in un grande contenitore(autoclave), esempio tipico il Prosecco,  questo riduce notevolmente i tempi dando vita ad un vino con aromi più fruttati e aromatici adatto ad un consumo più immediato.
Classico o Champenoise. La presa di spuma avviene direttamente in bottiglia, è il caso del Franciacorta. In questo caso il lungo contatto del vino con i suoi lieviti all’interno della bottiglia dona al vino una struttura più importante e sentori più complessi.

Millesimo
La maggior parte degli spumanti non hanno indicazione dell’annata di produzione e sono solitamente frutto di cuvèè, blend di annate diverse. Quando troviamo il millesimo è indice di una vendemmia particolarmente buona.

Colore
Blanc de Blancs indica uno spumante ottenuto esclusivamente da uve bianche
Blanc de Noirs spumante bianco ottenuto però da uve a bacca rossa
Rosè con una breve macerazione delle bucce di uve a bacca rossa nel mosto si ottiene uno spumante di colore rosato la cui intensità varia in funzione delle uve utilizzate e della volontà dell’enologo

Dosaggio
Gli spumanti possono avere diversi livelli di dolcezza in funzione della quantità di zuccheri residui nella bottiglia;
Pas Dosè, Brut Nature o dosaggio zero
E’ il più secco di tutti, minimo zuccheri residui, intenso e di carattere
Extra Brut (fino a 6gr/l) e Brut (fino a 12gr/l)
Il più classico, adatto a quasi tutti i tipi di abbinamenti  ad eccezione dei dolci
Extra Dry (da 12 a 17 gr/l)
Perfetto per l’aperitivo perchè bilancia  l’acidità delle bollicine con una lieve dolcezza
Dry o Sec (da  17 a 32gr/l)
Dolce (oltre 50gr/l)
Per gli amanti del vino da dessert

Gli abbinamenti
Lo spumante Brut metodo classico è la scelta più facile e vincente perchè da spazio a diversi abbinamenti. Ottimo  per il brindisi, può essere abbinato ad antipasti a base di pesce, ai fritti ed è perfetto con ostriche, scampi, gamberi e patè di cui ne esalta il sapore. Può essere utilizzato anche con un primo piatto ma solo in caso di paste e risotti a base di verdure.
Con gli aperitivi a base di pesce, di carni bianche e salumi un’ottima scelta è lo spumante Brut Rosè.
Tradizionalmente eletto vino da aperitivo il Brut Rosè, soprattutto se rifermentato in bottiglia, quindi metodo classico, è in grado di esaltare la cucina di mare e di terra e di reggere l’impatto con carni rosse, arrosti e formaggi stagionati.
E con panettone e pandoro? Assolutamente no allo  Spumante o allo  champagne e prediligiamo un Passito o un Moscato d’Asti!
Trattandosi di preparazioni dolci a pasta lievitata richiedono vini che richiamino sensazioni analoghe; gli esperti lo chiamano abbinamento per corrispondenza, noi, più romanticamente, sintonia caratteriale..
Buon Natale!

christmas team building

Cosa sapere per organizzare il Team building di Natale online

Tempo di Natale, tempo di Christmas party e, dato il momento storico, il team building non può che essere online!
Cosa sapere allora sull’organizzazione dell’evento aziendale di Natale e come scegliere quello più adatto alle proprie esigenze, ecco 5 domande da porsi:

blog img_7488-1 christmas team building

Luogo da cui avviene il collegamento
La maggior parte dei colleghi ad oggi è in smart working ma una parte può continuare invece ad essere presente in sede. E’ importante stabilire quindi dove si trovino tutti i partecipanti il giorno del team building di Natale.
Sicuramente una situazione casalinga è da preferirsi per gli eventi di team cooking e cocktail class online per i quali la possibilità di uso di una cucina  è importante.
Per i collegamenti da ufficio soluzioni di virtual art tour, wine tasting o escape room a squadre sono preferibili.
In ques’ultimo caso l’evento dovrà prevedere l’invio di box completi di quanto necessario per lo svolgimento dell’attività, fattore che, oltre ad essere necessario dato il luogo del collegamento, accresce anche le aspettative dei partecipanti stimolando curiosità e coinvolgimento all’evento.

Orario di inizio evento
Diversamente dagli eventi aziendali in presenza nel team building online è necessario prendere in considerazione due elementi per determinare l’orario giusto dell’attività:

  • Nazionalità dei partecipanti. Nel caso di coinvolgimento di colleghi da paesi extra UE può essere importante valutare la realizzazione di due sessioni separate, una per il collegamento dall’Europa ed una adatta ai differenti fuso orario.
  • Possibile presenza di conviventi in casa e quindi la necessaria condivisione di alcuni ambienti in fasce orarie come quella di pranzo o di cena. Il tardo pomeriggio o la primissima serata pertanto sono sempre da preferire.

Piattaforma di video conferenza e live streaming
Ad oggi gran parte dei team building aziendali online sono eseguiti su piattaforme  di videoconferenza standard, da Zoom a Microsoft teams, con buona resa e diverse funzionalità acquistabili secondo le esigenze del cliente. Tuttavia nel caso dei team building di Natale online, quando si tratti di evento completo, preceduto da sessioni istituzionali o presentazioni di risultati annuali, con il coinvolgimento di dipendenti e clienti finali, è consigliabile acquistare un dominio di terzo livello personalizzato per l’evento con una piattaforma interna per webinar e team building.
Ciò consente all’azienda di dare una visione più strutturata dell’intera attività, con un calendario visualizzabile di interventi e attività ed una parte dedicata alla registrazione degli ospiti, e di customizzare completamente contenuti grafici e di prodotto.
Importante anche la valutazione del live streaming; il live streaming è, soprattutto nel caso di un Christmas party, un forte elemento di interazione e networking ma porta con sè anche una serie di incertezze, dalla qualità del collegamento alle capacità di gestione dei tempi e della chat di ciascun relatore pertanto, quando l’evento preveda più sessioni, può essere auspicabile, per quelle istituzionali, che alcune di esse siano videoregistrate piuttosto che live.

Materie prime
Nell’organizzazione del Christmas party, quando prevede un team building a tema cooking, wine o cocktail, la preparazione di kit ingredienti è un elemento importante di completamento.
Malgrado gli eventi possano essere eseguiti anche con l’acquisto delle materie prime da parte dei partecipanti, l’invio di kit al domicilio che contengano materiali e piccoli omaggi è,  soprattutto in occasione del Natale, quando budget e tutela dei dati sensibili lo consentano, una forma di comunicazione e promozione pre-evento fondamentale per accrescere l’attendance e indurre gli ospiti all’azione.

Formula di intrattenimento
In ogni attività team building di Natale online che abbia una durata superiore ai 45 minuti e voglia essere partecipativa è importante inserire call to action per i partecipanti in media ogni 15 minuti. Ciò serve a tenere alta l’attenzione e l’interazione, soprattutto in caso di grandi numeri di ospiti che, al fine di una miglior resa della banda nel live streaming, sono chiamati ad avere audio e video spenti.
Tante le soluzioni di intrattenimento, diverse in funzione del momento dell’attività; dal racconto a tema, al polling, al pressure test, al contest creativo a tempo, ed un unico consiglio da applicare, che usiate Zoom o una piattaforma personale un ottimo conduttore dell’evento ed una regia valida che effettui il coordinamento sono elementi fondamentali.

Per saperne di più Contattaci

cocktail team building,bar challenge,cocktail challenge The Traveller Chef

Bar Challenge Ad ogni manager il cocktail giusto

Il Bar Challenge, uno degli eventi più sfidanti, il miglior modo per imparare a conoscere i propri colleghi e approcciare la meravigliosa arte della mixology con cui trasformare ogni drink nel cocktail giusto per chi si ha di fronte.
Nel cocktail team building caratteristiche e peculiarità di ciascun team o il mood dell’evento vengono interpretati dai partecipanti che, con una selezione di ingredienti a sorpresa disponibili, creano un cocktail che sia rappresentativo della squadra in tutti i suoi tratti principali.

basic-bartender-training instagram Bar Challenge aziendale
Come è possibile realizzarlo? Imparando a twistare sul drink, come dicono i nostri celebrity bartender che insegnano la tecnica ai partecipanti.
Ma cos’è un twist? Un twist è una variante alla ricetta base di un cocktail classico in cui si sostituisce un ingrediente con un altro oppure viene utilizzata una tecnica differente rispetto a quella base.
Come scegliere invece gli ingredienti veramente rappresentativi del team? Questo è il vero task di ogni squadra, l’essenza dello spirito di gruppo e del lavoro per obiettivi in questo tipo di evento aziendale; la capacità di osservare i propri compagni, valutare e decidere assieme tra diverse materie prime presenti, distillato, liquore, guarnizione, ognuna con storia e struttura diverse, la mix più giusta, armonica nel gusto finale e caratterizzante. Proprio come accade nella vita professionale.

Curiosi? Ecco alcuni twist dal nostro cocktail challenge “If I were you”; ogni manager è chiamato a creare  un drink che descriva il proprio compagno di squadra.
Al lettore il compito di capire che caratteristiche e chi rappresentasse ciascun cocktail.

cocktail team building

Il Francese perfetto
(twist sul Negroni)

Ingredienti:
30ml di Generous Gin
30ml di Suze
30ml di Lillet Blanc
1 cucchiaio da bar di liquore al Marasquino
1 buccia di pompelmo
1 bicchiere Old Fashioned

Riempire uno shaker con ghiaccio. Aggiungere gli ingredienti e mescolare finché non si saranno raffreddati bene. Servire con ghiaccio nel bicchiere old fashioned. Guarnire con un tocco d’arancia.

bar challengeTeam Tonic
(twist sul Gin Tonic)

30ml Gin
60ml Spumante Brut Millesimato
30ml acqua Tonica
1 fettina di lime
lamponi freschi
1 Tumbler alto

Mettere nel tumbler il ghiaccio e il gin.
Sfregare una scorza di lime sul bordo del bicchiere, aggiungere lo spumante e infine l’acqua tonica.
Mescolare delicatamente il gin tonic con un cucchiaino lungo e gustare. Decorare con una fettina di lime e uno stecchino di lamponi freschi.

Bar challengeLadylike
(twist sul Margarita)

35ml di  Silver Tequila
12 ml di liquore di lychee
12 ml di succo di lime
2 rametti di coriandolo
frutti di lychee per la decorazione
1 coppa Margarita ghiacciata e salata sul bordo

Versare nello shaker il succo di lime filtrato, due rametti di coriandolo e poi tequila, liquore di lychee e ghiaccio. Shakerare con forza per una decina di secondi e versare nel bicchiere. Decorare con frutti di lychee, in alternativa ciliegie o lamponi, e rametti di coriandolo.

team building Natale online

Nuove idee per Team building di Natale online

La chiusura degli eventi aziendali in presenza e la volontà di continuare a fare networking e riunire i colleghi per celebrare le festività seppur in tempi difficili hanno reso necessaria la pianificazione di nuove formule di intrattenimento online per il Christmas Party 2020.
Nel progettare soluzioni coinvolgenti per gli auguri tutti assieme da remoto  siamo partiti da una domanda fondamentale; quali  sono le esperienze che da sempre ci riportano alla tradizione natalizia?
photo-1463183547458-6a2c760d0912 champagne-articolo-blog cocktail-natale

Nasce così Cocktails & finger food per Natale, nulla è più tradizionale dell’aperitivo natalizio e abbiamo pensato di renderlo interattivo, preparandolo assieme in diretta, utilizzando aromi e ingredienti tipici delle feste e mixando distillati speciali per il cocktail finale.
Alzare il calice alla fine di un meeting e brindare al Natale, un classico delle feste, perchè non viverlo direttamente in cantina guidati da alcuni tra i migliori produttori di bollicine italiane?
Natale in cantina è un viaggio virtuale tra Franciacorta, Valtènesi e Oltrepò Pavese per visitare dal vivo il territorio dello spumante italiano, mettere alla prova i sensi in uno speciale wine tasting online e scoprire i migliori abbinamenti cibo/vino per i menù delle festività.
Ed è  proprio la voglia di ritornare a viaggiare e vivere esperienze ad oggi impossibili che ha ispirato Natale ad arte, un evento virtuale esclusivo dove, guidati da una curatrice d’arte, i partecipanti possono esplorare in diretta live mostre non più accessibili, luoghi e bellezze d’Italia difficilmente raggiungibili, concludendo l’esperienza con un esclusivo aperitivo a tema preparato in diretta con i nostri chef. Profumi, cibo, cocktails, bollicine, musica natalizia ed il  regalo finale, un momento da vivere assieme e ricordare.

Questi sono i dettagli che per noi rappresentano il Natale e grazie al sostegno di staff, partner e nuove tecnologie siamo riusciti a renderli evento.

Per saperne di più Contattaci