virtual-cooking

Team cooking online, ibridi o in presenza, cosa organizzare e quali le differenze

dell-video

cooking team building virtuale

tttt

Cambiamenti e difficoltà di spostamento in questo periodo hanno aperto lo scenario a nuove modalità di team building ed eventi per le aziende.
Ad apertura di questo 2021  quindi come organizzare  un evento di cooking team building, quali sono le alternative, quali le differenze?
Ecco una breve guida sulle diverse soluzioni disponibili e come organizzarle:

 Team cooking online
La modalità più semplice, molto richiesta al momento perchè elimina spostamenti e riunioni di persone.

Requisiti per i partecipanti  al team cooking digitale

  • Disponibilità di una cucina domestica e degli attrezzi più semplici
  • Un pc con webcam
  • Ingredienti per la preparazione del menù

Cosa organizzare e quali le differenze
La divisione in team è possibile, senza scambio e commistione dei ruoli tra i partecipanti come  accade in presenza, con l’assegnazione di incarichi per ciascun ospite nella realizzazione del menù.
Per la parte creativa dell’attività la logica rimane di gruppo; la strategia ed il processo di raggiungimento dell’obiettivo assegnato a sorpresa sono gestiti in comune dagli ospiti ed eseguiti assieme in video.
Gli ingredienti necessari all’evento possono essere consegnati  direttamente al domicilio o acquistati dagli ospiti in modo indipendente.
La degustazione del menù preparato è in videoconferenza.
Il team cooking online è, diversamente dall’evento fisico, una modalità molto intima di mettersi in gioco e fare relazione con i colleghi perchè prevede la condivisione dei propri spazi domestici e spesso anche degli affetti.
Non è infatti raro che nel cooking team building online siano spesso coinvolti in tutto o in parte conviventi, coniugi o figli.
Ciò crea un clima molto proficuo ed una maggiore propensione allo spirito di squadra e all’interazione.

Team cooking in presenza
Tutti i partecipanti in presenza alla scuola di cucina.

Requisiti per i partecipanti al team cooking in presenza

Realizzabile ad oggi nelle località in fascia gialla, secondo gli orari previsti dal Dpcm in materia di ristorazione e con le seguenti prescrizioni:

  • distanziamento di 2 mt
  • mascherina
  • postazioni individuali di cucina
  • igienizzazione e guanti monouso
  • degustazione in postazione  o al tavolo con distanziamento
    (ad eccezione di congiunti documentabili con autocertificazione aziendale)
  • numero massimo di partecipanti in base a capienza scuola di cucina

Cosa organizzare e quali le differenze
Tutti gli ospiti realizzano le portate del menù che poi andranno a degustare individualmente o al tavolo con il distanziamento.
Nella prova creativa ogni squadra presenta il singolo progetto finale realizzato con accordo di tutti i partecipanti e presentato allo chef che ne valuta l’aspetto.

Team cooking ibrido
Una parte dei partecipanti è in presenza dalla scuola di cucina, una parte è collegata in remoto tramite piattaforma di videoconferenza

Requisiti per i partecipanti al team cooking ibrido

  • Rental di una location scuola di cucina
  • Pc con webcam
  • Smart tv per il collegamento in videoconferenza
  • Personale di ripresa lavori

Cosa organizzare e quali le differenze
Come per il cooking team building in presenza anche la modalità ibrida è praticabile ad oggi nei casi e nelle località  in cui siano consentiti spostamenti e attività di ristorazione.
Per i partecipanti in presenza varranno presso la scuola di cucina le regole già viste nella modalità di cui sopra previste dall’attuale Dpcm.
I partecipanti vengono divisi in due squadre, il  team digitale ed il team live, chiamati a preparare il menù previsto.
Anche in questo caso, per gli ospiti in presenza a causa dell’obbligo distanziamento, non può esserci scambio di ruoli e mansioni.
Per la prova creativa ciascun team lavora in gruppo all’obiettivo finale.
I kit ingredienti sono spediti al domicilio per il team virtuale, presenti alla scuola di cucina per il team live.
Il team building in cucina ibrido è, tra le tre soluzioni, la più complessa da organizzare perchè prevede di fatto l’organizzazione di due eventi separati, il digitale e il live, e questa sensazione di separazione può essere vissuta in fase evento anche dai partecipanti che si comportano e agiscono come due gruppi separati.