The Art Dinner: Cena a regola d’arte

The Art Dinner è il nuovo format di The Traveller Chef dedicato all’anno nazionale del cibo italiano inaugurato per il 2018 dai Ministeri dei beni culturali e delle politiche agricole alimentari mirato ad enfatizzare la stretta correlazione esistente tra arte, cibo e tradizioni locali attraverso gli strumenti dell’experiential learning e del teamwork, avvicinando gli ospiti al mondo dell’arte italiana in maniera diretta e tangibile.

A tal fine figure chiave del team building e conduttori dell’attività saranno un noto curatore d’arte ed un esperto enogastronomo che si alternano e coadiuvano i partecipanti nello svolgimento del team building raccontando il mondo dell’arte, del cibo e del vino.

Al loro arrivo i partecipanti saranno divisi in team, ogni tavolo rappresenterà una squadra.
Ad ogni team verrà consegnato un booklet con una serie di domande legate alle prove che dovranno affrontare.
Il curatore introdurrà gli ospiti ai principi della critica d’arte e l’attività avrà inizio.

Scopo dell’attività è individuare il miglior team di “critici d’arte”.

Tre i challenge ad arte:

1. I CIBARTISTI
Arte nel piatto, cibo nell’arte, focus su condivisione e spirito di squadra
I partecipanti dovranno analizzare 3 riproduzioni di opere d’arte contemporanea in cui il cibo è protagonista ed indovinarne i diversi aspetti, dall’autore dell’opera sino all’ipotetico valore di mercato.
Abbinamento: Antipasto che riprenda colori e caratteristiche delle opere presentate, la tradizione culinaria dei luoghi presenti nei quadri o di provenienza degli autori.

2. SE FOSSE UN VINO
L’arte interpreta il vino, focus sull’experiential learning
I team dovranno indovinare, attraverso la degustazione bendata, gli aromi e i sapori di un vino la cui etichetta è stata disegnata da un noto artista italiano.
Abbinamento: primo piatto della tradizione del luogo di provenienza dei vini

3. IPHONOGRAPHY
Crea la tua opera d’arte, focus su creatività e gestione degli imprevisti
Riprendendo un notissimo contest fotografico aperto dal Columbus Museum of Art nel le squadre avranno a disposizione un tempo prestabilito per creare con l’ausilio del proprio smartphone una fotografia d’arte.
Per realizzare lo scatto saranno chiamati ad utilizzare la fotocamera del dispositivo mobile con la possibilità di integrare l’immagine originale con dettagli e ritagli presi dalla rete internet.
Al termine del tempo le squadre invieranno il proprio lavoro ad una casella posta interna che lo raccoglierà e lo preparerà alla stampa/visualizzazione.

4. SE FOSSE UN DOLCE (prova supplementare di food design)

Arte ed emozioni nel piatto, focus sull’engagement

Ciascun membro dei team avrà a disposizione una base bianca e  cioccolato liquido da utilizzare per  disegnare un dolce  legato ad un  momento particolarmente significativo della propria crescita e a cui abbinare un pensiero o una personale descrizione.

Ogni disegno e la relativa descrizione saranno valutati dal nostro curatore e quello giudicato più significativo darà il punteggio alla squadra di riferimento

Abbinamento: dessert in food design

Concluse le prove le schede di ciascuna squadra saranno raccolte e corrette  assieme alla valutazione dei lavori pratici.
Il team che avrà risposto al maggior numero di risposte esatte ed il cui lavoro pratico sia giudicato più interessante sarà proclamato vincitore.
Premio per la squadra vincitrice la riproduzione della fotografia della prova Iphonography su forex  e l’attestato di miglior team di critici d’arte.